Cerca

Batullo Edizioni

Categoria

Recensioni

Recensione “Primes Prophecy -La Profezia dei Primi” a cura di BookislifeOriginals

bookislifeoriginal.png

Titolo:Primes Prophecy-La profezia dei primi (Ombra Requiem Saga)
Autore: Alessio Serra
Editore: Batullo Edizioni
Genere: Fantasy
Pagine: 486

Sinossi
Tra i regni Sorion e Turym scoppia nuovamente la guerra. A difendere le terre di Sorion vi sarà Rika Eilan, una giovane e bella donna dalla tormentata personalità, conosciuta in patria come Grifone Bianco, un cavaliere apparentemente invincibile e assai temuto. Gli scontri tra l’esercito di Sorion e Turym e i loro eroi saranno solo il preludio dell’avvento dei Primi, esseri millenari e dai poteri sovrumani che come divinità in terra influenzeranno le sorti della guerra al solo scopo di sfuggire ad un’antica profezia. La vita di Rika sarà interamente sconvolta da questi eventi e la sua intera esistenza messa alla prova, per comprendere chi ella è davvero e quale destino la lega ai Primi.

 

Recensione
Premetto che amo molto i fantasy, soprattutto quelli non banali, e devo ammettere, che ho trovato questo libro scritto molto bene, in modo scorrevole ma soprattutto, l’autore è riuscito a tenermi sempre incollata alla storia, con la curiosità di andare avanti e di scoprire pagina dopo pagina cosa sarebbe successo.
Un altra caratteristica che mi sento di sottolineare, è la bravura dell’autore nel descrivere le ambientazioni ma soprattutto nel caratterizzare i personaggi, che sin dalle prime pagine riusciamo ad apprezzare e a legarci emotivamente;
Sono descritti molto bene, al punto da renderli veri e reali, i
personaggi sono il centro di questo libro, proprio come spiega l’autore nella prefazione.
Non dimentichiamo la cosa principale che ho apprezzato, cioè la valorizzazione della figura della donna da parte dell’autore e questo veramente mi ha colpito, perchè sfortunatamente non è sempre così, specialmente nei fantasy.

Cosa dire miei cari lettori, io ve lo consiglio assolutamente, e sono sicura che non resterete delusi, è veramente una bella storia, appassionante e scritta bene.

Non mi resta che augurarvi BUONA LETTURA!!

Ringraziamo Emanuela per la sua recensione e invitiamo i nostri lettori a fare un salto nel suo bel blog

https://bookislifeoriginals.blogspot.it/2017/04/recensione-primes-prophecy-la-profezia.html?showComment=1491906855730#c817148501647868766

 

Recensione “A volte è semplice se piove” a cura di Recensionilampo

 

recensioni lampo.png

recensionilampo“A volte è semplice se piove” è un romanzo ambientato ai nostri giorni, che si presenta, in principio, come una lettura leggera e divertente. Ad avvalorare ulteriormente questa convinzione, è la presenza di un buffo e sfortunato protagonista, dalle vicende sull’orlo del tragicomico.
Quando però ci si addentra all’interno della narrazione, l’autore, pur mantenendo uno stile semplice e lineare, affronta importanti tematiche, alcune sfiorandole appena (come l’omosessualità, la perdita), altre toccandole in profondità ( il rapporto di amicizia tra l’uomo e animali, la precarietà lavorativa, l’amore).
In tre parole (o quasi): leggero, ma non superficiale

Recensione “A volte è semplice se piove” a cura di Serena tra le parole.

serenatraleparole

SINOSSI

Ermenegildo è un 30enne, un italiano qualunque, disoccupato e senza particolari capacità. La vicenda inizia proprio durante il suo primo colloquio di lavoro per poi snodarsi in un avvicendarsi di situazioni tragicomiche in cui si ritrova a dover prendere delle decisioni, ma non riuscendoci a causa della sua innata passività. L’uomo è fidanzato con una ragazza con la quale si trova bene ma non si sente soddisfatto come vorrebbe e al contempo deve gestire la sua ex che lo cerca e lo vuole ancora. A questo triangolo si mescolano le micro vicende del condominio in cui abita il nostro. La vicenda prende una svolta decisiva quando incontrerà un cane, Leopoldo che gli parlerà e dapprima Ermenegildo pensa che si tratti di un’allucinazione ma poi prende coscienza che quell’incontro non è un caso e avrà delle importanti conseguenze nella sua vita.

LA MIA RECENSIONE

Questo è uno dei libri più semplici che io abbia mai letto, scritto in un modo estremamente scorrevole, chiaro e veloce. Lo ritengo un libro realistico perché parla di questo normalissimo ragazzo, Gil, che deve quotidianamente affrontare problemi a cui ognuno di noi potremmo dover far fronte nella vita prima o poi. Lo ritengo realistico seppur il protagonista ad un certo punto diventi amico di Leopoldo, un cane. È vero, è assurdo che un umano possa parlare con un cane, ma l’autore descrive la cosa con una naturalezza tale da far sembrare la cosa “normale”. Infatti nel finale viene spiegato il tutto con una frase:

“Potrebbe capitarvi di scontrarvi con lo sguardo di qualcuno di quegli animali e scoprire anche voi che in quello stesso sguardo potrebbe esserci più umanità di quanto possiate pensare”

Ecco: io ho visto il personaggio del cane parlante non come un personaggio di fantasia, ma come un modo dell’autore di far capire al lettore che gli animali spesso sono molto più umani degli umani stessi e che se poniamo attenzione ai loro occhi ci possono parlare veramente. E mi trovo d’accordo.

Mi è piaciuto il personaggio di Sonia, alla ricerca dell’uomo che sa farsi valere e che, pur soffrendo molto, ha saputo prendere forti decisioni. Ho apprezzato il cambiamento di Gil nel corso del romanzo, inizialmente visto un po’ come un inetto, ma che nel tempo è riuscito a evolversi in positivo grazie anche a Leopoldo e Federico. 

Ho provato antipatia per l’invadenza di Arianna e tenerezza per il signor Castaldi. 

Simpatia per Flavia Rinaldi e stima per Rosalinda. 

È un romanzo che ha mosso molte sensazioni in me perché è un romanzo che parla di vita quotidiana, che tocca argomenti di attualità che fanno parte anche della mia vita e quindi ho avuto la sensazione di leggere la storia di un mio compaesano, di un mio vicino. Si è parlato di amore, di amicizia, di animali e maltrattamenti di essi, di anziani soli, di gay, di attentati, di tradimenti, di pettegoli, di famiglie con problemi e di famiglie benestanti, di disoccupati, di lavoratori e di sfruttamento. Un romanzo attuale e vicino a tutti noi e quindi di facile immedesimazione. 

Mi è piaciuto.

Un abbraccio

Laura 

https://serenatraleparole.blogspot.it/

https://www.instagram.com/serenatraleparole_blog/

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑